• diminuisci dimensione carattere
  • ripristina dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
 Home Page » Curia » Vicariati, settori e uffici » Vicariato Laici e Pastorale » Ufficio Sociale e Lavoro » News » 1° maggio - S. Giuseppe lavoratore - S. Messa del mondo del lavoro 
1° maggio - S. Giuseppe lavoratore - S. Messa del mondo del lavoro







Lunedì 1° maggio in occasione della festa di San Giuseppe lavoratore alle ore 17.00 presso la Cooperativa Sociale Onlus ECOSVILUPPO di Stezzano (Via Circonvallazione Ovest, 20) si terrà la Celebrazione Eucaristica con il mondo del lavoro nel contesto di realtà del cooperativismo sociale d’inserimento lavorativo per persone svantaggiate del nostro territorio e realtà sensibili ai temi ambientali.
 
Il 1° maggio costituisce un significativo e forte momento della vita civile e sociale di tutto il mondo perché mette al centro dell’attenzione il lavoro, come dimensione umana significativa e importante, tanto da essere uno dei più decisivi elementi di costruzione della storia dell’umanità. Attraverso il lavoro l’uomo ha trasformato il pianeta e ha trasformato se stesso, i suoi usi, i suoi costumi, le sue abitudini. Il lavoro, unitamente ad altre componenti dello spinto umano, ha permesso il progresso e la creazione di civiltà grandi che permettono a un numero sempre maggiore di uomini di godere della sua libertà con responsabilità e con autonomia.
 
È pur vero che il lavoro, come tutti i fenomeni umani, è sottoposto all'ambivalenza della libertà e perciò può essere buono o cattivo, utile o dannoso, bello o brutto. Il lavoro, rende il mondo un giardino o lo inaridisce con la deturpazione ambientale; il lavoro affratella gli uomini, ma occasiona loro anche conflittualità mai sopite che dispongono oggi di strumento di situazioni difficili.
 
Il lavoro allora appare come dimensione umana che chiede di essere salvata, perché indica un senso che interpella la libertà dell’uomo e di tutti gli uomini. Per questo la Chiesa sente il lavoro profondamente come suo, come qualcosa che, parlando dell’uomo, parla di Dio e di Cristo.