• diminuisci dimensione carattere
  • ripristina dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
 Home Page » Curia » Vicariati, settori e uffici » Vicariato Laici e Pastorale » Ufficio Eta' Evolutiva » News » Proposti dall'UPEE due progetti per giovani ed oratori 
Proposti dall'UPEE due progetti per giovani ed oratori







L'Ufficio per la Pastorale dell'Età Evolutiva propone anche quest'anno due progetti che vedono protagonisti i giovani e gli oratori: il progetto "Giovani Insieme" con ODL e Regione Lombardia e il progetto "CSI e Oratori: una strategia vincente" con il CSI e la Diocesi.
 

 
PROGETTO “GIOVANI INSIEME” – ODL
 
Nel 2017-2018 prosegue il progetto “Giovani Insieme” con Odielle e Regione Lombardia per l’anno 2017-2018.
Mantenendo le stesse finalità del passato, ovvero la realizzazione di forme di aggregazione giovanile negli oratori, aumentando l’offerta delle attività e sostenendo quelle già in corso, il progetto mira ad inserire 40 figure di riferimento capaci di animare, promuovere e sollecitare la naturale propensione dei giovani allo stare insieme in Oratorio.
Di seguito alcuni elementi chiave del progetto:
  • I candidati devono avere un’età compresa tra i 20 e i 30 anni (nati tra il 1997 e il 1987); devono essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado.
  • Il progetto avrà inizio da subito con la fase di candidatura (sia dei giovani che delle parrocchie) che si concluderà il 15 settembre 2017. La modulistica è in allegato alla mail.
  • I contratti coi giovani potranno essere attivati già dal il 1° settembre 2017 (per chi avesse presentato candidatura per tempo) e terminare non oltre il 31 agosto 2018.
  • Tenuto conto degli obiettivi specifici del progetto, i giovani individuati saranno presenti negli Oratori per complessive ore 400 annuali, per organizzare, promuovere e realizzare attività ed iniziative volte a supportare i percorsi di aggregazione, il coordinamento dell’attività di “doposcuola”, la promozione e realizzazione di laboratori artistico-culturali, la realizzazione di attività di animazione in occasione di domeniche o festività particolari, la cura del “cortile” con compiti di accoglienza, animazione e vigilanza degli spazi, la cura per la formazione degli animatori adolescenti al Cre e il coordinamento del Cre.
  • Il rapporto di lavoro tra la parrocchia e il giovane sarà disciplinato dalla normativa relativa al lavoro subordinato a tempo determinato, part-time e richiederà alcuni adempimenti burocratici obbligatori, quali l’ingaggio di un ufficio paghe e la verifica della sicurezza del luogo di lavoro con stesura di Documento Valutazione Rischi (ex D.Lgs. n.81/08).
  • Il costo lordo orario per la parrocchia è di 11 euro, mentre la retribuzione lorda oraria per il giovane (compreso di imposte e contributi previdenziali ed assicurativi a carico del lavoratore) sarà non inferiore ad euro 8,50.
  • Il contributo regionale ammonterà al 70% del costo complessivo di ciascun contratto pari a 5.200€ (comprendente della quota complessiva spesa per la retribuzione delle 400 ore annuali del lavoratore e del costo per gli adempimenti burocratici). Il costo lordo del lavoro eccedente resterà a carico della parrocchia.
In allegato:
Segreteria Upee
Tel. 035278203

 
PROGETTO GIOVANI “CSI E ORATORI: UNA STATEGIA VINCENTE” – CSI e UPEE
 
Sulla scia  del progetto “Giovani Insieme” promosso da Oratori Diocesi Lombarde e finanziato da Regione Lombardia (progetto che negli ultimi tre anni ha interessato ogni volta circa sessanta oratori della nostra Diocesi) e nell’ottica di incrementare sempre più un minimo di presenza educativa soprattutto nei cortili degli stessi, per l’anno 2017-2018 il Centro Sportivo Italiano di Bergamo in collaborazione con la Diocesi di Bergamo attraverso l’Ufficio Pastorale per l’Età Evolutiva, propone il progetto “Csi e Oratori: una strategia vincente”.
 
Attraverso questo nuovo progetto, Diocesi e CSI si propongono di formare ed inserire negli oratori giovani provenienti dalle società sportive degli stessi, con il compito di organizzare ed animare attività educative in coerenza con la progettazione pastorale delle singole realtà oratoriane. L’obiettivo è fare in modo che i cortili dei nostri oratori siano sempre più luoghi che generano buone prassi educative e non spazi vuoti lasciati al libero utilizzo di chi vi accede. Come?
 
La modalità è da sempre la cura delle forme di aggregazione in oratorio, sostenendo quelle già in essere per le realtà più fortunate oppure aumentando l’offerta per quelle che lo ritengono necessario e opportuno.
Ovviamente, per la concretizzazione di queste modalità, sarà necessaria una corretta individuazione di questi giovani da parte delle stesse società sportive. Gli elementi distintivi dovranno certamente essere la capacità di animare, insieme alla promozione di modalità e di tempi coerenti. In concreto: la società sportiva dell’oratorio, in collaborazione con l’oratorio stesso, si farà interprete dell’individuazione e dell’ingaggio di uno dei suoi giovani. Proporrà loro di garantire una presenza negli spazi e nei tempi informali della vita d’oratorio oppure di affiancare coloro che già vi operano per sviluppare o integrare alcune specifiche progettualità quali l’extrascuola, oppure l’attività aggregativa e di animazione del tempo libero, secondo percorsi differenziati per fasce di età.
Il rapporto di lavoro tra la parrocchia e il giovane sarà disciplinato dalla normativa relativa al lavoro subordinato a tempo determinato, part-time. Per quanto riguarda la retribuzione, il compenso orario (al lordo delle imposte e dei contributi previdenziali e assicurativi a carico del lavoratore) garantito ai giovani sarà non inferiore ad euro 8,50. Tenuto conto degli obiettivi specifici del progetto, i giovani individuati saranno presenti negli oratori per complessive 400 ore annuali e potranno essere chiamati ad organizzare, promuovere e realizzare una serie di progetti ed iniziative volte al coordinamento di azioni educative promosse dalla parrocchia, alla promozione e realizzazione di tornei sportivi, spazi ludici e laboratori, volte alla cura del “cortile” con compiti di accoglienza, animazione e vigilanza degli spazi, prestando particolare attenzione ai cosiddetti “momenti informali”.
 
I giovani dovranno possedere i seguenti requisiti: un’età compresa tra i 20 e i 30 anni (ovvero nati tra il 1997 e il 1987); essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado; appartenere alla società sportiva dell’oratorio; accettare di essere incaricati dalla parrocchia di appartenenza.
 
Il progetto complessivo pensato da Diocesi e CSI garantirà l’inserimento di 10 giovani in altrettante realtà oratoriane, valutando l’esperienza in ambito educativo-sportivo e le competenze in ambito animativo, oltre a garantire la copertura di una parte del costo del giovane stesso. Il CSI di Bergamo coprirà il 70 % dell’importo complessivo (circa 5.200€ comprendente del costo dell’operatore e degli adempimenti burocratici necessari come l’ingaggio di un ufficio paga e la verifica della sicurezza dei luoghi di lavoro), a seguito della presentazione delle effettive spese sostenute tramite rendicontazione.
 
Il progetto avrà inizio da subito con la fase di candidatura che si concluderà il 15 settembre 2017. I contratti con il giovane potranno essere attivati già dal 1° settembre e terminare non oltre il 31 agosto 2018. Diocesi e CSI organizzeranno un percorso formativo della durata di 6 ore per i giovani individuati e incaricati dalle parrocchie: tale percorso ha come scopo quello di fornire alcune informazioni di carattere introduttivo in ordine ad aspetti educativi ed organizzativi inerenti il contesto specifico dell’oratorio. Nella seconda parte dell’anno potranno essere proposti ulteriori incontri formativi, nei quali prevedere uno spazio congruo di monitoraggio e valutazione in itinere dell’esperienza.
 
In allegato:
Per maggiori informazioni
contattare la segreteria del CSI allo 035210618
oppure la segreteria Upee allo 035278203